Il Paese delle Famiglie e squadre di calcio

C’e’ poco da fare, il leit motif dell’Italia e’ sempre lo stesso.

Siamo un Paese di micro nuclei. All’interno dei nuclei, c’e’ un leader (boss, capo, padrino, mister…) e ci sono i fedeli seguaci. O sei dentro o sei fuori.

Nuclei: anticamente, le repubbliche. Piu’ recentemente, a scelta: la famiglia, la squadra di calcio, l’azienda, la casta, il partito, la compagnia, il gruppo.

Il capo detta la linea, il futuro e gli altri ripetono, eseguono, difendono. Il capo distribuisce favori e privilegi, gli altri ricevono e in cambio obbediscono. Chi non e’ d’accordo, fuori.

La storia si ripete ogni volta, con due casi “macroscopici” a far da scuola, ovvero Mussolini e Berlusconi, i cui nuclei hanno preso dimensioni enormi e egemoniche sugli altri.

E’ per questo che non si ammette dibattito all’interno dei gruppi. E’ per questo che si fanno scandali quando i peones sembrano dire cose non in linea con la regola. E’ per questo che adoriamo parlare di complotti di palazzo. E’ per questo che si parla poco di contenuti e alla fine si vota per un leader.

E’ per questo che non c’e’ senso dello Stato: e’ troppo lontano, astratto, alto.

Ed e’ per questo che la partitocrazia italiana continua a regnare impavida: sono loro , tra parlamentari e governo, che si gestiscono lo stato e fanno il ponte con i nuclei, piu’ sotto, che pero’, sono sudditi, non  elettori da rappresentare.

E’ per questo che non capiamo il bipolarismo, la leadership, intesa in modo anglosassone o francese. Viene dato mandato ad una persona, con il suo team, per gestire la cosa pubblica. Il team deve rispondere della gestione, e alla fine del mandato se non ha fatto bene se ne va. Invece per noi, eleggere un Presidente o un Primo Ministro vuol dire scegliere il capo che comanda – e abbiamo paura che se viene eletto “l’altro”, per noi saranno guai. Preferiamo, a questo punto, un miscuglio pentapartitico coalizionato in cui comandano un po’ tutti, ovvero, nessuno comanda.

Una risposta a “Il Paese delle Famiglie e squadre di calcio

  1. Pingback: La Grande Alleanza per riformare l’Italia | Cosa dire…?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...