Archivi categoria: Giornalismo

Alitalia: pubblico o privato, il problema è un altro.

In risposta a Gad Lerner che dice:

Dobbiamo prendere atto della realtà, smetterla di considerare nazionalizzazione una parolaccia.

Sig. Lerner,

lei ha ragione nel denunciare questo tabù, ma il problema di fondo su cui dovremmo tutti discutere è un altro. Continua a leggere

Annunci

Napolitano non li ha mai definiti “saggi”

Capisco le delusioni, perplessità, appelli, retweet, etc…  però ripeto che nessuno li ha mai definiti “saggi”.

Napolitano ha parlato di due gruppi di lavoro “di personalità tra loro diverse” per fare proposte. Rivedere il video (la parte sui gruppi di lavoro inizia al minuto 2:35):


 

In altre parole “Mo’ vi obbligo io a sedervi attorno ad un tavolo e a discutere finché non vi siete messi d’accordo”.

E quindi non è poi così drammatico che non ci siano donne o giovani, anche se sarebbe stato un bel gesto.

I “saggi” li avranno inventati i giornali per avvitarcisi sopra.

Il Times affonda i giornali italiani: giusto, ma…

Il Time Magazine pubblica un articolo molto critico sulla (bassa) qualità dei giornali italiani.

Leggere l’articolo completo (in inglese) qui: Continua a leggere

L’Italia sarebbe troppo bella e tutti verrebbero a vivere qua se…? (Luttwag)

Bella frase e metafora di Luttwag:

“I politici italiani contribuiscono a mantenere l’equilibrio del pianeta.

Perchè seno’ l’Italia sarebbe troppo bella e tutti verrebbero a vivere qua.”

Questa dichiarazione segue la premessa:

“Gli stranieri si rifugiano dalla necessità di ammirare quasi tutto in Italia, natura bellezza construzioni arte moda creatività storia prendendo in giro i politici italiani, i quali fanno di tutto per permettere di fare questo gioco.”

Riconosciamo anche la qualità dell’italiano di Luttwag, che ho quotato testualmente.

Hanno perso le elezioni soprattutto i giornalisti

E’ già stato detto di tutto e di più sulle elezioni, cosa si puo’ dire di più.

Ma un paio di cose non sono state dette.

1 – I giornalisti italiani portano responsabilità

Fra tutte le accuse e controaccuse di autocritica, una categoria invece non si è ancora rimessa in questione: i media.

La responsabilità dei media in queste elezioni è pesantissima. Continua a leggere

Ecco perchè ho votato Scelta Civica dieci giorni fa

Vivendo all’estero ho potuto votare prima del tempo, e ne ho approfittato.

Perché non aspettare fino all’ultimo minuto per decidere?

Ho cercato di seguire dibattiti e discorsi sui giornali e televisioni, ma mi sono trovato inondato di scandali, sparate, insulti, meno che innocenti siparietti, slogan, calciatori, cagnolini, promesse, inchieste, battute, alleanze e sottointesi, uno più passeggero dell’altro e senza nessuna utilità. Uno scempio.

Che cosa ne ho concluso? Continua a leggere

Sono spariti i giornalisti italiani

E’ da giorni che cerco di seguire trasmissioni televisive italiane per capire cosa vogliono fare e proporre i vari partiti.

Non sono riuscito a vedere proprio tutto, ma per quel che ho visto sono spariti i giornalisti.

I giornalisti che dovrebbero fare domande per informare la gente.
I giornalisti che dovrebbero semplificare le risposte per far capire a tutti.
I giornalisti che dovrebbero essere preparati sui fatti per poter colloquiare con chi se ne intende.
I giornalisti che dovrebbero essere oggettivi.

Continua a leggere